La media mobile: guida all’utilizzo

di | 5 Maggio 2020

L’analisi tecnica nel Forex corrisponde allo studio degli indicatori al fine redigere una strategia quanto più possibile vincente. Tra gli indicatori più apprezzati e più facilmente utilizzabile spicca la media mobile. Di cosa si tratta? E’ veramente utile?

media mobile

A quest’ultima domanda è possibile rispondere in maniera affermativa, ma a qualche condizione. Il più importante di questi è considerare la media mobile come un segnale abbastanza affidabile ma di certo non infallibile. Ovviamente, più il dato ricavato è complesso, più preciso risulterà il segnale.

Cos’è la media mobile

Le medie mobili sono un semplice strumento di analisi tecnica che analizza i dati dei prezzi generando un prezzo medio che viene aggiornato costantemente. La media viene rilevata in un determinato periodo di tempo, che può essere di 10 giorni, 20 minuti, 30 settimane o un periodo di tempo scelto dall’investitore. La capacità di potersi adattare a trading di lungo e breve termine è uno dei vantaggi offerti dallo

strumento della media mobile. Un altro importante vantaggio dell’utilizzare le medie mobili è quello di ridurre il “rumore” sul grafico. Osservando la direzione della media mobile si può avere un’ idea di come il prezzo si sta muovendo. Generalmente si può affermare che un’inclinazione verso l’alto indica che il prezzo si muove verso l’alto (o recentemente si è mosso in quella direzione), mentre un’inclinazione verso il basso indica che il prezzo si muove verso il basso. Quando vediamo che si muove lateralmente, è probabile che il prezzo si stia muovendo in un intervallo.

Inoltre, le medie mobili possono fungere da supporto e resistenza in modo tale che il prezzo rimbalza al di fuori di essa.

In un trend al ribasso, la media mobile può anche agire come una resistenza, alla stregua di un soffitto che il prezzo tocca e ricomincia la sua discesa.

Come regola generale, possiamo affermare che se il prezzo è al di sopra della media mobile, il trend è rialzista. Se il prezzo è al di sotto della media mobile, la tendenza è ribassista. Poichè le medie mobili possono avere lunghezze diverse, possiamo averne una che indica una tendenza rialzista, mentre un’altra mostra una tendenza al ribasso.

E’ importante tenere a mente questa caratteristica quando si usa questa strategia per investire nel trading. Un aspetto importante da considerare è che se il prezzo del bene attraversa un periodo di oscillazioni,

variando avanti e indietro, genera più segnali di investimento e segnali di inversione di tendenza. Quando si verifica questo, è consigliabile abbandonare l’uso delle medie mobili e passare all’utilizzo di un altro indicatore per cercare di chiarire qual’è la tendenza effettiva.

Questo è il motivo per cui le medie mobili non sono adatte a situazioni di mercato con grande volatilità e fluttuazione dei prezzi. Puoi approfondire l’argomento delle medie mobili visitando il sito laguidaforex.it.

Tipologie di medie mobili

Si distinguono medie mobili veloci e medie mobili lente, ma anche medie mobili semplici e medie mobili doppie. Di seguito, un excursus sulle medie mobili e qualche informazione circa il loro utilizzo.

Media mobile lenta. E’ una media mobile che viene ricavata prendendo in considerazione un numero alto di periodi precedenti a quello di riferimento. In genere si parla di più di 60 giorni.

Media mobile veloce. E’ una media mobile che viene ricavata prendendo in considerazione, differente al caso precedente, un numero piuttosto basso di periodi. Solitamente non vengono superati i 30 giorni.

Media mobile semplice vs Media mobile doppia. L’unica differenza tra i due casi è che, nel primo, vi è una sola linea (che corrisponde alla media dei periodi precedenti), mentre nel secondo nel grafico compariranno due linee. Ognuna di queste corrisponde a una media mobile, una di queste è lenta e l’altra è veloce.

In genere, si registra un segnale ribassista quando la media semplice incontra dall’alto verso il basso il valore dell’asset e continua con questa tendenza. Si registra un segnale rialzista quando la stessa media semplice incontra il valore dal basso verso l’alto.

Per quanto riguarda la media mobile doppia vale lo stesso discorso delle medie mobili semplice. L’unica differenza, che è in verità sostanziale, è dato dal fatto che “l’incontro” non avviene tra media e valore ma tra media e media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *